Eventi

«Gennaio 2018
LunMarMerGioVenSabDom
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031    

Dall'ultima Assemblea Regionale, il "nostro" Alberto Simoni

( parole chiave: )

Sabato 3 dicembre ha visto svolgersi l’assemblea regionale del Partito Democratico, in quel di Padova, con, e spiace dirlo, meno partecipanti del solito. Tralasciando questa nota negativa, occorre dire che l’Assemblea, come del resto faceva prevedere il suo ordine del giorno, non poteva che concentrarsi sul particolare momento storico nel quale ci troviamo ora. Le riflessioni che i vari oratori, a partire dal presidente dell’Assemblea Sen. Casson, hanno esposto ai presenti sono state appunto indirizzate a tale argomento.

Potremmo dividere lo svolgimento dell’Assemblea in due momenti:
     il primo, formato dagli interventi del presidente suddetto e del nostro segretario Rosanna Filippin, ha dipinto il quadro generale della situazione che il PD si è trovato ad affrontare. Situazione che lo ha visto agire in maniera responsabile, dopo aver assunto in questi mesi il ruolo di partito d’opposizione,  protagonista  del ‘risveglio civile’ del nostro paese.

Un partito che avrebbe potuto, forte del suo consenso, correre e  vincere le eventuali elezioni che si sarebbero indette dopo la caduta del governo, ma che ha preferito anteporre gli interessi del paese ai propri. Ora si è scelta l’unica strada che si poteva percorrere, il governo Monti, cui il PD darà sostegno, senza rinunciare alle sue proposte nelle varie materie interessate dalla crisi. Detto questo, non si dimenticano però le responsabilità delle forze politiche avversarie per questa situazione in cui ci troviamo; occorre essere coscienti delle responsabilità del Pdl, partito che ha tardato a fronteggiare la crisi, e della Lega, che ora tenta di rifarsi una verginità, dopo aver approvato con il suo ex-alleato molte delle leggi vergogna di questo Paese. 

 

     Il secondo momento, in cui vanno idealmente inseriti gli interventi successivi, credo si  possa catalogare come un approfondimento di alcuni temi toccati nel momento precedente. In particolare, sulle preoccupazioni che suscita il fatto di non sentire parlare più di patrimoniale, e con il conseguente sospetto che la manovra possa meno equa di quello che dovrebbe essere. Staremo a vedere la settimana prossima, quando sarà presentata. L’istanza, che mi pare di aver colto da molti degli oratori, è quella che il partito sia meno timido nello svolgere la sua politica, e che segua sempre quel principio portante che ha il nome di equità.

Oltre a questo, mi è piaciuto il documento, approvato da vari membri dell’assemblea e letto da Luigi Creazzo (in allegato), contenente una serie di proposte e di spunti per varie materie che coinvolgono il PD.
Permettetemi di ricordarne uno: il bisogno di un regolamento unitario a livello regionale per le candidature nelle primarie, elemento fondante del nostro partito. Il documento, che consiglio di leggere, anche come semplice base per una sana discussione su alcuni argomenti importanti, è per chi volesse allegato a questo articoletto.

 

Quali le conclusioni, personali, su questa assemblea? L’ho detto, avrei sperato in una maggiore partecipazione. Inoltre, credo che un dato di fatto sia sotto gli occhi di tutti. Molti dei discorsi fatti, non potevano che essere basati su ipotesi, timori e aspettative. Non sapremo però nulla di preciso fino alla settimana prossima. Mi è sembrato quindi, che a tratti le tematiche svolte nell’Assemblea, perdessero (non per colpa degli oratori, ma perché non poteva essere diversamente data la situazione), di concretezza.
Resta da dire una cosa. Per la prima volta credo, durante tutta l’Assemblea, si è parlato quasi esclusivamente di politica con uno sguardo più  nazionale ed europeo che locale. Certo, non si dimentica che questa è un’assemblea ‘Regionale’. Ma fa bene ogni tanto dare l’idea di essere consapevoli del contesto in cui si opera e si vive. Non solo politicamente parlando.


P.S. Nota tecnica: sono state operate alcune sostituzioni riguardo i componenti dell’Assemblea Reg.,della Direzione Reg., e della Commissione di Garanzia. Ordinaria amministrazione. 


Filename/TitleDimensione
Doc.Politico.3 Dic.pdf69.55 KB