Eventi

«Maggio 2018
LunMarMerGioVenSabDom
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

nazionale

fortuna che ci sono ancora Giovani così!

( parole chiave: )

Carissimi, carissime. Vi riportiamo un articolo apparso ieri sull'Unità online. E' una riflessione sulle contestazioni a Dell'Utri e Schifani (ma tanto altro ha dentro questa lettera) scritta da un ragazzino, Enrico Procopio, classe 1992. Enrico è un ragazzo del Circolo di Budrio, Bologna.
Francesca Fornario, per l'Unità, invita tutti noi alla lettura di questo pezzo che Enrico ha pubblicato nel suo blog.

Le parole che state per leggere (sì: fatelo, vi supplico) le ha scritte un diciottenne iscritto al Pd. Pd di Budrio, Bologna, dove c'è la festa dell'Unità che si chiama ancora così e dentro allo stand della pesca dove si vince il pallone e la bicicletta c'entrano tutte le feste democratiche d'Italia. Le parole che state per leggere le ha scritte un ragazzo che va ancora a scuola, e che si mette la sveglia un'ora prima per andare davanti alle fabbriche a rischio chiusura, anche se gli amici grillini gli dicono che il suo Pd si è dimenticato gli operai. Enrico sarà ancora qui quando Berlusconi non ci sarà più, perché così è la vita. E il pensiero mi riempie di un'allegria indicibile. No, non il pensiero di Berlusconi che non ci sarà più, ma quello di Enrico che sarà uomo, padre, politico e militante quando non ci sarà più un governo colluso con la Mafia e chi lo fischia e chi censura chi fischia, e chi censura chi censura chi fischia. Perché dopo i fischi, e dopo altri fischi, e dopo altri fischi ancora, ci sarà da costruir su macerie, come dice Guccini. E bisognerebbe trovare la forza di farlo subito, adesso, e siamo in molti a provarci ma mica è facile e perciò finisce che ci buttiamo giù. Ma sapete una cosa? Mi mette un allegria addosso pensare comunque vada, domani, toccherà a quelli come Enrico, che guarda un po' si chiama pure così.
leggi tutto »

"Vecchio come il cucco!" - di Michele Serra

( parole chiave: )

"Se ci fate caso, le varie riunioni di loggia o di amiconi influenti delle quali abbiamo avuto ampia testimonianza negli ultimi giorni, hanno in comune una cosa: zero donne. Sono tutti maschi anziani, strenuo residuo di una società patriarcale decrepita eppure tenace, fondata sul padrinaggio e i suoi derivati.
Anche il potere ufficiale italiano conta poche donne, ma qualcuna sì, qualche ministro o vice-leader, qualche giornalista che incide, qualche intellettuale di vaglia. Invece in questo potere parallelo, quello che gioca a poker con gli appalti e con il controllo delle poltrone, quello che infiltra e impesta lo Stato, la magistratura, la finanza, quello che imbroglia e minaccia, intriga e inquina, la traccia femminile è inesistente - se non per l'immaginabile complicità di mogli consunte o di giovani amanti che nell'ombra, come da secoli, assistono e proteggono i loro maschi.
Questo monopolio virile rende, se possibile, ancora più minacciosa e detestabile l'idea che ci siamo fatti di quelle riunioni. Le apparenta strettamente alle mafie, a quel nocciolo violento e tetragono del potere italiano che rende questo Paese, prima ancora che malavitoso, vecchio come il cucco".

Michele Serra, L'amaca, la Repubblica di domenica 18 luglio 2010.

 

Una sorpresa su tre... è già uno di noi

( parole chiave: )

La fine della crisi, la ripresa, un mercato del lavoro più aperto, la fiducia: non c'è dubbio che il Governo ce la mette tutta per imbottirci di balle, i numeri sono spesso mistificati e sempre interpretati in maniera a dir poco faziosa dalla classe dirigente e dai media.

Alle volte, tuttavia, i numeri sono troppo palesi per essere fraitesi e l'unica lettura possibile è un requiem tricolore.

La disoccupazione giovanile (chi cerca lavoro tra 15 e 24 anni) a Maggio sale al 29,2%, quasi un giovane su 3 cerca lavoro.
leggi tutto »

Venghino signori al Bar Simpatia: al Governo c'è posto per tutti!

( parole chiave: )

No, per favore no! Un altro.. un altro simpaticissimo umorista!

Dopo il Cavalier Smentita, il comico di Arcore, quello che se fa una gaffe o uno scivolone internazionale/istituzionale è che "mi avete frainteso, era solo una battuta".. ecco il nuovo comico dello Zelig-Governo italico: Umberto Bossi.

Perché se Radio Padania arriva a tifare gli extracomunitari del Paraguay (forse non se n'erano proprio accorti che di extracomunitari si trattava), il nostro bel Senatore nonchè Ministro della Repubblica ieri esternava così sulla partita Italia-Slovacchia, decisiva per il passaggio del turno in Sudafrica: "Tanto la partita se la comprano: vedrete che al prossimo campionato ci saranno due o tre calciatori slovacchi che giocano nelle squadre italiane...".
leggi tutto »

La manovra è sbagliata: ecco i motivi

( parole chiave: )
19/06/2010 - 10:00
19/06/2010 - 14:00

"E’ possibile fare una manovra economica che permetta risparmi, che non metta davvero le mani nelle tasche degli italiani, che serva alla crescita del Paese.

Il Pd, con il segretario nazionale e i capigruppo in Parlamento, ha già presentato le idee che diventeranno i nostri emendamenti.


Si tratta di permettere lo spostamento di dieci miliardi di euro dalla rendita e dalle posizioni dominanti a favore di cittadini, lavoratori e imprese.

Occorre, insomma, garantire equità: un obiettivo a costo zero per lo Stato.
leggi tutto »

Caro PD

( parole chiave: )

Carissimi amici e-lettori,

in attesa di schiarimenti del "cielo sopra il PD", aspettando che la nube passi oltre che da sopra il cielo italiano anche dalle nostre teste di elettori del centrosinistra leggiamo, sottoscriviamo e vi proponiamo un articolo di Pippo Civati sul PD, pubblicato sull'Unità di sabato 17 aprile. 

Una riflessione che riteniamo valida, a partire dalle semplici considerazioni emerse, come il rendersi conto che l'ordine alfabetico talvolta può ispirare correttamente un ordine di priorità. Buona lettura.

Caro Pd,

«Show, don’t tell», dice qualcuno. Faccelo vedere, il cambiamento, non raccontarlo soltanto.

Non descriverlo per poi non realizzarlo.
Non parlare per mesi di quote rosa, eleggi qualche donna.
Non discettare di ricambio, fai dialogare le generazioni (e fallo, però, un po’ di ricambio, che altrimenti lo fanno gli altri).
leggi tutto »

Leggere, scrivere e far di conto

( parole chiave: )

Leggere, scrivere e far di conto: era la missione dei primi insegnanti dell'Italia Unita.

Ora come ora dovrebbe essere un dato acquisito.

Ma queste ultime settimane ci segnalano un passo del gambero da parte di chi si propone di governare oltre che il territorio nazionale anche quello regionale.
leggi tutto »

Parole, parole, parole..

( parole chiave: )

Breaking news dal sito de l'Unità:

Salvaliste a un soffio dalla bocciatura alla Camera. Salvato dalle assenze nell'Udc. Franceschini furioso con i centristi

L'Udc salva il decreto "salvaliste". E' stato solo grazie alle assenze nel gruppo dei centristi che oggi alla Camera la maggioranza è riuscita a bocciare le tre pregiudiziali di costituzionalità presentate dalle opposizioni. La Camera le ha bocciate con 259 voti a favore contro 272, sei solo in più della maggioranza richiesta.
leggi tutto »

L'opposizione apre il cantiere: benvenuti nel nuovo centrosinistra

( parole chiave: )

Bersani voleva una piazza diversa e la piazza voleva una politica diversa.

Il messaggio era sul piatto da mesi, e la risposta c'è stata: come coniugare una protesta alla deriva autoritaria del governo contro le istituzioni e la proposta di un'alternativa? La risposta è una soluzione rodata, si può dire pure vecchia, ma rinnovata nella sostanza.
leggi tutto »

Legge di Murphy per la sinistra

( parole chiave: )



a sinistra si incappa spesso nella convinzione che se i Partiti non rappresentano gli elettori, è giusto cambiare gli elettori..

Condividi contenuti